Rieti, poliziotto manganella un giovane durante l’arresto

Giovane arrestato per i reati di danneggiamento aggravato, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Poliziotto sotto inchiesta per l'uso del manganello.

RIETI – È finito sotto inchiesta il poliziotto che ieri sera, intorno alla mezzanotte, ha preso a manganellato un giovane 25enne romeno a Rieti, in pieno centro.

Il ragazzo, in evidente stato di ebbrezza, danneggiava con calci e pugni auto parcheggiate nei pressi della stazione. Dopo essersi spostato verso piazza Oberdan, il 25enne ha continuato a danneggiare durante il tragitto cestini di rifiuti ed altri oggetti, fino a quando veniva intercettato da due agenti della Polizia nelle immediate adiacenze di un bar. Lo stesso, denudandosi della camicia, si dava alla fuga rovinando a terra mentre tentava di sottrarsi all’identificazione. Gli operanti – uno dei quali con l’utilizzo dello sfollagente – lo raggiungevano e lo immobilizzavano, per poi accompagnarlo in Questura, a Rieti.

- Advertisement -

Dopo essersi inizialmente calmato, l’uomo dava nuovamente in escandescenza, aggredendo i due agenti, i quali, nel corso della colluttazione, riportavano lesioni personali, refertate dal locale Pronto Soccorso, con prognosi di dieci giorni ciascuno.

Il giovane, un cittadino rumeno di anni 25, è stato arrestato per i reati di danneggiamento aggravato, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione, in attesa dello svolgimento del procedimento penale instauratosi nei suoi confronti, durante il quale la sua eventuale responsabilità penale verrà accertata dal Giudice.

- Advertisement -

In riferimento ad un video – virale sul web – che riprende il momento del controllo, sebbene sia evidente che il soggetto è in stato di forte alterazione, un poliziotto utilizza lo sfollagente in dotazione; per tale comportamento è già stata avviata un’inchiesta disciplinare a suo carico ed è stata informata l’autorità giudiziaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE ULTIME NOTIZIE