Fara Sabina, usi civici: la richiesta de Il Ponte all’Amministrazione

- Advertisement -

FARA SABINA – “Il Ponte chiede all’Amministrazione l’impegno ad un tavolo di concertazione con la Regione per portare a soluzione le problematiche vigenti in materia di usi civici.” Esordisce così il comunicato stampa del gruppo consiliare Il Ponte, capitanato da Daniela Simonetti.

“La questione degli usi civici rappresenta un problema reale e serio per molti cittadini di Fara, in particolare per quelli della parte alta del territorio (Talocci, PrimeCase, Montegrottone, Pomonte). Il contrasto tra la normativa nazionale e quella regionale ha creato una situazione di stallo per i cittadini che sono impossibilitati a chiedere il riscatto dei terreni, gravati da uso civico e su cui insistono le loro abitazioni. Questo impedisce di fatto a molti cittadini di divenire proprietari delle loro abitazioni oppure di ereditarle o di venderle con gravi disagi e diminuzione anche del valore di mercato degli immobili”, prosegue il comunicato.

- Advertisement -

“Allo stato attuale, infatti, occorre da parte della Regione l’adozione di un disegno di legge contenente la previsione che le aree dichiarate di demanio civico da verifiche amministrative o da pronunce giurisdizionali, ma edificate/edificabili perché ricadenti nell’ambito di regolari previsioni urbanistiche, siano considerate “sclassificate” e quindi non più demanio civico. Per cercare di indirizzare e portare a soluzione questa annosa problematica abbiamo portato nel Consiglio Comunale che si terrà il 29-10-2021, un OrdineDelGiorno in cui chiediamo che l’Amministrazione ed il Consiglio tutto si impegnino ad intervenire in maniera pressante presso la Regione perché sia sanata tale situazione al più presto.”

- Advertisement -

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

LE ULTIME

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI