3.9 C
Rieti
2 Dicembre 2022 - 7:55

Al Museo di Fara tornano le armi dei guerrieri di Eretum

Tornano al museo di Fara le armi dei guerrieri di Eretum dopo il restauro effettuato dalla società ARA srl di Roma, specializzata in armi e strumenti in metallo.

Il restauro, finanziato con fondi regionali e comunali, si inquadra nel lavoro di conservazione a valorizzazione che il Museo ha avviato da alcuni anni finalizzato alla migliore fruizione da parte dei visitatori. Quest’anno, il Museo festeggia i vent’anni di apertura nella sede di Palazzo Brancaleoni.

- Advertisement -

Nella necropoli di Eretum i corredi sono composti da un numero considerevole di armi: i guerrieri venivano deposti con la panoplia composta di spada lunga da cavaliere, pugnale, lancia o giavellotto e pochi altri manufatti: le restauratrici hanno proceduto con la pulizia e rimozione di tutte le superfetazioni dovute alla ruggine ed alle concrezioni, l’oggetto è stato poi rinforzato con stuccature nelle parti più degradate e protetto con un prodotto specifico. Stando al comunicato ufficiale, le armi sono deposte nei loro foderi in legno e cuoio, con le catene in ferro con le quali si tenevano appese alla cintura, che nel tempo si sono integrate nella superficie in metallo dell’arma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE ULTIME NOTIZIE