Fara Sabina in zona rossa. Quello che c’è da sapere

- Advertisement -

Fara Sabina è ufficialmente zona rossa. Cosa si può fare e cosa no

Fara Sabina è in zona rossa. A comunicarlo, tramite conferenza stampa, è la Sindaca Roberta Cuneo che ha confermato le indiscrezioni dei cittadini.

«Come ben sapete, già dal 5 marzo abbiamo iniziato a registrare un aumento costante e crescente di nuovi positivi i quali, stando al DPCM, rientrano all’interno di un indice di 250 positivi ogni 100mila abitanti, che rapportato al numero della popolazione di Fara viene rappresentato con un indice di 35 nuovi contagi a settimana», ha dichiarato.

- Advertisement -

A spaventare di più è la presenza di varianti Covid-19. «La Asl di Rieti ha avuto il sospetto della presenza di test positivi alla variante inglese. Inviati allo Spallanzani, i tre test hanno confermato la presenza di questa variante.»

«Il Presidente della Regione Lazio ha firmato da poco l’ordinanza che aspettavamo», scrive su Facebook la prima cittadina del Comune di Fara in Sabina. «Le disposizione saranno in vigore da questa notte (ore 1:00 del 2 aprile) e avranno efficacia per 15 giorni.»

Spostamenti in zona rossa

- Advertisement -

Stando all’ordinanza firmata dal Presidente della Regione Zingaretti, è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dal Comune, nonché all’interno dello stesso, ed eccezione degli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità come motivi di salute. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. La didattica, come affermato dalla Sindaca, rimane in presenza per gli asili nido, scuole elementari e medie; ogni spostamento ad esso collegato è giustificato.

Attività motoria e sportiva

Tutte le attività svolte presso centri sportivi, anche all’aperto, sono sospese. È consentito svolgere individualmente attività motoria e sportiva in prossimità della propria abitazione con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie e la distanza di almeno un metro dalle altre persone.

Scuola

Le università e gli istituti superiori rimangono chiusi, mentre dal 7 aprile 2021 si applicano le misure nazionali in corso di adozione dettate per i territori zona rossa.

Attività commerciali

Le attività commerciali, settore più colpito dalla pandemia Covid-19, sono sospese, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità, sia negli esercizi di vicinato sia nelle medie e grandi strutture di vendita, anche ricompresi nei centri commerciali, purche’ sia consentito l’accesso alle sole predette attività e ferme restando le chiusure nei giorni festivi e prefestivi. Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati e i servizi alla persona (come parrucchieri, estetisti, barbieri e i negozi di abbigliamento), salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici mentre restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie.

«Rimangono sospese visite a parenti e amici, anche nei tre giorni di lockdown Pasquale, e saranno intensificati i controlli su tutto il nostro territorio.», conclude.

- Advertisement -

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE ULTIME

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI